Sei in : Home -> Notizie
NOTIZIE

Viaggio nei territori della Laga
Data di pubblicazione: 08/08/2013
Viaggio nei territori della Laga

E’ un itinerario alla scoperta di luoghi, cultura e tradizioni locali la Guida “Viaggio nei territori della Laga” a cura della Comunità Montana della Laga “Zona M”, in collaborazione con la DMC Gran Sasso-Laga “Cuore dell’Appenino”. Una piccola guida turistico-culturale, maneggevole e di facile consultazione, per chi si appresta a visitare il cuore della provincia teramana, in particolare i territori dei sei Comuni ricadenti nella Comunità Montana: Campli, Civitella del Tronto, Cortino, Rocca Santa Maria, Torricella Sicura e Valle Castellana.

A presentare l’iniziativa sono intervenuti questa mattina presso la sede del BIM il presidente della Comunità montana, Marco Di Nicola, e alcuni amministratori dei territori coinvolti nel progetto: i sindaci di Valle Castellana, Vincenzo Esposito, di Rocca Santa Maria, Stefania Guerrieri, e il vicesindaco di Campli, Maurizio Di Stefano.

“La Laga non è solo una montagna – premette il presidente della Comunità, Di Nicola -, ma un insieme di aspetti che vanno oltre la circoscrizione territoriale e che conservano intatti, oltre alle bellezze naturalistiche, i segni della storia, come la Fortezza di Civitella, la Scala Santa di Campli, il Castello di Re Manfrino e tanto altro, a completamento di un territorio ricco di fascino, tutto da scoprire”.

La Comunità Montana ha voluto così proporre un aggiornamento del volume “Viaggio nei territori della Comunità della Laga”, edito nel 2004. Uno strumento per approfondire le peculiarità di un territorio, collocato nell’Appennino centrale e a pieno merito inserito nell’area del Parco Nazionale Gran Sasso-Laga. Il volume è contrassegnato anche da QRcode, il codice a barre bidimensionale che, fotografato con lo smartphone, consente il collegamento al sito istituzionale della Comunità e alla scheda web dei vari comuni.

Un’area che, con la presenza di centri montani minori, numerose fortificazioni medioevali (Castel Manfrino, Castel Trosino, Pietrata ecc.), scorci di grande bellezza paesaggistica, come le suggestive cascate della Laga che assumono spesso lo stesso nome della valle e raggiungono dislivelli anche di diverse centinaia di metri, aspira a buon diritto a soddisfare le esigenze di un turismo moderno, interessato alla natura, alla storia, al folklore e all’enogastronomia.
I testi del volume sono a cura di Roberta Censori e Pietro Serrani; l’ideazione grafica di Davide Di Felice, le immagini a cura di Roberta Censori, Francesco Mosca (www.paesiteramani.it), Pietro Serrani, Sergio Scacchia, Lucio De Marcellis e Domenico Marinelli. La stampa di “Mastergrafica Srl” di Teramo.

Il viaggio nei territori della Laga inizia percorrendo la strada statale Piceno Aprutina che collega Teramo ad Ascoli, con il comune di Campli; prosegue con il centro fortificato di Civitella, che domina le Vallate del Vibrata e del Salinello, fino a quella del Tronto, poi Valle Castellana con i ruderi di Castel Manfrino, altra cerniera difensiva dei confini del Regno delle Due Sicilie dallo Stato Pontificio. Ancora, sulla direttrice Rocca S.Maria –Teramo, il centro di Torricella Sicura con le sue testimonianze storiche e personaggi illustri, come il partigiano Mario Capuani. A 1.073 metri di altitudine, il comune di Rocca Santa Maria, con le sue località: il Ceppo, Bosco Martese, teatro di una storica battaglia della Resistenza italiana, Serra e Tavolero. Conclude il viaggio nei Monti della Laga il territorio di Cortino, antica corte longobarda con un passato di pastorizia e agricoltura, e oggi mèta di spicco del turismo naturalistico, grazie anche ai rari nuclei spontanei di abete bianco della sua Abetina. Al termine di ogni sezione, anche qualche utile indicazione su agriturismi, b&b, ristoranti e strutture ricettive disponibili in ciascun centro della Laga.


Home Home    Indietro Indietro